gtest001

Certo… l’integrazione col VS lascia un po’ a desiderare ma sempre meglio di niente! 😉

Voglio provare il framework di google su uno degli esempi presi dalle QT library.

Dopo aver compilato sia il progetto dei framework di test e di mock ho copiato gtestd.lib e gmock.lib in una cartella apposita ($(ProjectDir)lib) definita in “Configuration Properties->Linker->Input->Additional Dependencies”.
Ho poi aggiunto il path della cartella dove ho copiato i file include di gTest e gMock in ($(ProjectDir)lib) definita in “Configuration Properties->C/C++->General->AdditionalIncludeDirectories).

La compilazione falliva a causa di una serie di problemi di linking.
Ho risolto seguendo le indicazioni che ho trovato qui, cambiando Configuration Properties->C/C++->Code Generation->Runtime Library” da
Multi-threaded Debug DLL (/MDd) a Multi-threaded Debug DLL (/MDd).

Domani speriamo di riuscire a fare qualche prova!

Dopo l’addio di (ormai) un mese fa, oggi ho iniziato a lavorare in un nuovo gruppo.
Devo dire che il supporto dei colleghi che si sono occupati del mio cambio d’ufficio (stessa azienda ma differente area ed edificio) è stato encomiabile: dopo meno di 3 ore dalla mia richiesta ero già operativo nel mio nuovo open space.

L’operatività per ora si traduce nel dover leggere un documento sull’architettura del sistema sul quale dovrò mettere le mani ma spero di riuscire al più presto a vedere il codice! 😀

Certo almeno per un po’ dovrò dire addio a C# e affini ( si lavora in C++ ANSI per questioni di portabilità) ma va bene così!

Per ora ho messo da parte il mio pomodoro-anguria per non disturbare i miei (silenziosissimi!) compagni e ho optato per Focus Booster come sostituto temporaneo… datemi il tempo di prendere un po’ più di confidenza prima di farlo ticchettare per tutto il giorno 😀

p.s.

Domi, Aldo e Nicola: grazie ancora e di cuore, è stata per me una grande esperienza passare una discreta parte della mia vita con voi 😀

 

Ho installato l’ultima beta di R# 5.0 e l’ultima versione di Gallio uscita proprio oggi ma l’integrazione col test runner di R# è saltata :(.

L’ho potuta ripristinare ricopiando la parte evidenziata di questo percorso

[…]\JetBrains\ReSharper\v4.5\Bin\Plugins\Gallio\Gallio.ReSharperRunner45.dll

sotto la cartella […]\JetBrains\ReSharper\v5.0\

Un problemino che sto riscontrando è che non sembra più andare l’integrazione con NBehave da R# (ma in TestDFriven va…) 😦

Provate e fatemi sapere (link)

In questi giorni mi sto prendendo un po’ di tempo per studiare alcune cose che mi riservavo di guardare più approfonditamente.

Una di queste è NBehave. Per chi non lo conosce, si tratta di un framework che permette di portare agli estremi i concetti del TDD per arrivare al BDD. Vi rimando all’articolo di Dan North per gli approfondimenti.

Visto che ci sono ho voluto subito verificare l’integrazione del framework con lo Unit Test Explorer di Resharper… ed ecco che arrivano i primi problemi: non va proprio! Sembra che la versione di NBehave dipenda da MBUnit 3.0.x mentre io ho la 3.1. Questa spiega anche perchè eseguendo il “test” via TestDriven questo fallisce sempre malgrado non veda apparenti motivi per farlo!

Ho risolto scaricando i sorgenti da SVN (occhio che l’url da specificare, es. in TortoiseSVN, è questa: http://nbehave.googlecode.com/svn/trunk/) , ricompilando, togliendo i reference a mbunit, gallio e NBehave e sostituendoli con quelli buildati.

Ora la barra è verde… come mi aspettavo 😉

Stavolta è il mio turno di salutare quelli che restano.

Dopo quattro anni ho dovuto lasciare il gruppo con il quale ho vissuto la mia esperienza professionale (finora ;-)) più stimolante e arricchente anche dal punto di vista umano.

Durante questo tempo ho conosciuto grandi professionisti, dei veri esperti nel loro campo; ho avuto modo di lavorare con loro e imparare molto da loro. Grazie ragazzi! Di cuore! … e questo in particolare a quelli che mi hanno dovuto sopportare ogni giorno 😉

Dei quattro quest’ultimo anno è stato probabilmente il più difficile soprattutto per l’aggravarsi della malattia di Eros e per aver dovuto dare l’ultimo saluto al compagno con il quale, su suo invito, avevo cominciato quest’avventura.

E ora… si riparte, cogliendo l’opportunità di capire sempre meglio cosa voglio ottenere in questa vita per me, per la mia famiglia e come dicono dei mie cari amici, per tutti gli esseri.

E sono sempre più convinto che gli  strumenti per fare questo siano essenzialmente 2:
1. la meditazione
2. il confronto con il mondo 🙂

… e mi sto sforzando di usarli entrambi 😀

Come vi ho detto al primo riavvio del notebook ho notato un primo problema: il SO di default è Sabayon in modalità resque.
Non ho trovato un tool grafico per configurare GRUB ma farlo anche a mano non è difficile.

Da una shell fate su e aprite nel vostro editor preferito il file grub.conf (gentoo usa questo; di norma sarebbe dovuto essere menu.lst che qui è solo un simbolik link):

su

nano /boot/grub/grub.conf

cercate ora la riga con la parola default.

A fianco troverete un numero che indica il SO da far partire: indicate il numero corrispondente alla riga che selezionate dal menu al boot per far partire il SO che vi interessa.

Nel mio caso volevo che partisse Windows (ebbene si… non ho ancora avuto il coraggio di fare il passo definitivo e mettere linux come defaul, anche se uso ormai quasi sempre solo questo) che corrisponde alla 3 voce di menu. GRUB ordina le righe partendo da 0 quindi il numero corrispondente è 2.

default=2

Già che ci siete verificate se il timeout che è impostato merita una ritoccata guardando la riga corrispondente

timeout=10

In questi giorni il buon luKa comincia una nuova avventura.

Siamo stati colleghi per circa tre anni ma solo nell’ultimo mese ho avuto modo di lavorare strettamente a contatto con lui ad un importante progetto sw.

E’ stata sicuramente una delle esperienze professionali più importanti che ho vissuto finora e se leggete il suo blog o il suo profilo è facile intuire il perché.

Ancora una volta lo voglio ringraziare per la pazienza che ha dimostrato nei miei confronti 😉 e fagli gli auguri (so che non è supersizioso!) per la nuova sfida professionaleche si sta preparando ad affrontare.

Grande luKa!

Stavolta la pausa è stata lunga… l’ultimo post risale addirittura al 27 Luglio scorso.

Da allora tante cose sono cambiate pur non essendo cambiato nulla! 😀

Letto tanto… ascoltato tanto… meditato tanto (mai abbastanza!).

Vi racconterò qualcosa in futuro.

Oggi comincio con qualcosa di tecnico… poi si vedrà 😉

I miei bookmark

Timeline